Via Crucis

Venerdì alle 17.30 inizia la pia pratica della Via Crucis, che specialmente in Quaresima ci aiuta a meditare sulla Passione redentrice del Signore. Ricordiamo che anche tutti i venerdì di Quaresima sono giorni penitenziali (di astinenza0 inizia la pia pratica della Via Crucis, che specialmente in Quaresima ci aiuta a meditare sulla Passione redentrice del Signore. Ricordiamo che anche tutti i venerdì di Quaresima sono giorni penitenziali (di astinenza0 inizia la pia pratica della Via Crucis, che specialmente in Quaresima ci aiuta a meditare sulla Passione redentrice del Signore. Ricordiamo che anche tutti i venerdì di Quaresima sono giorni penitenziali (di astinenza

Mercoledì delle ceneri

Mercoledì 17 febbraio sarà il Mercoledì delle Ceneri, inizio della Quaresima, tempo favorevole per la nostra conversione. Siamo invitati a partecipare alla S. Messa con l’imposizione delle ceneri, alle ore 18.00, per iniziare insieme questo tempo di grazia, che ci dispone a celebrare con più intensità il Mistero pasquale del Signore crocifisso e risorto. Il giorno delle Ceneri è giorno penitenziale, nel quale siamo chiamati all’astinenza dalle carni e dai cibi più raffinati e costosi e al digiuno(facendo un solo pasto durante la giornata), o altre opere penitenziali equivalenti.

Rito della pace nella Messa

La pandemia ha imposto alcune limitazioni alla prassi celebrativa al fine di assumere le misure precauzionali previste per il contenimento del contagio del virus. Non potendo prevedere i tempi necessari per una ripresa completa di tutti i gesti rituali, i Vescovi italiani hanno deciso di ripristinare, a partire da domenica 14 febbraio, un gesto con il quale ci si scambia il dono della pace, invocato da Dio durante la celebrazione eucaristica. Non apparendo opportuno nel contesto liturgico sostituire la stretta di mano o l’abbraccio con il toccarsi con i gomiti, in questo tempo può essere sufficiente e più significativo guardarsi negli occhi e augurarsi il dono della pace, accompagnandolo con un semplice inchino del capo. All’invito «Scambiatevi il dono della pace», volgere gli occhi per intercettare quelli del vicino e accennare un inchino, secondo i Vescovi, può esprimere in modo eloquente, sicuro e sensibile, la ricerca del volto dell’altro, per accogliere e scambiare il dono della pace, fondamento di ogni fraternità.

Giornata Mondiale del malato

Giovedì 11 febbraio, memoria della B. Vergine Maria di Lourdes, si celebra la 29^ Giornata Mondiale del malato. «È momento propizio per riservare una speciale attenzione alle persone malate e a coloro che le assistono, sia nei luoghi deputati alla cura, sia in seno alle famiglie e alle comunità. Il pensiero va in particolare a quanti, in tutto il mondo, patiscono gli effetti della pandemia del coronavirus» (Papa Francesco). Alle ore 17.30 reciteremo in chiesa il S. Rosario per i malati. Seguirà la S. Messa alle ore 18.00.

Giornata per la vita

Domenica 7 febbraio si celebra in Italia la 43^ Giornata per la Vita. Il tema di quest’anno è : «Libertà e vita». Una cultura pervasa di diritti individuali assolutizzati rende ciechi e deforma la percezione della realtà, genera egoismi e derive abortive ed eutanasiche, interventi indiscriminati sul corpo umano, sui rapporti sociali e sull’ambiente. La libertà può purtroppo anche condurre alla violenza nei confronti degli altri, a strumentalizzare e a rompere le relazioni a inquinare e demolire la “casa comune”. La ricorrenza annuale della Giornata per la Vita costituisce un prezioso appuntamento per sensibilizzare tutti al senso dell’autentica libertà nel suo porsi al servizio della vita, riconoscendo che essa è uno strumento per il bene proprio e degli altri (cfr. Messaggio dei Vescovi italiani).

Presentazione del Signore

Martedì 2 febbraio, quaranta giorni dopo Natale, si celebra la festa della Presentazione del Signore, detta anche della “Candelora”. Il Bambino Gesù, presentato al Tempio secondo la legge di Mosè, è in realtà Dio che viene incontro al suo popolo ed è riconosciuto dal santo vecchio Simeone come luce per illuminare le genti e gloria di Israele (cfr. Lc 2, 22-40). Anche noi, celebrando la S. Messa (ore 18:00), vogliamo accogliere la salvezza che Cristo viene anche oggi a donarci.

Back to Top